Terapia manuale

La terapia manuale è un concetto molto ampio che comprende una serie di diverse tecniche terapeutiche nelle quali il terapista fa uso delle mani. Questo tipo di terapia agisce sul sistema fasciale, muscolare, nervoso e scheletrico al fine di eliminare il dolore e migliorare la funzione corporea. 

La terapia è sicura e naturale poiché non vengono utilizzati farmaci e metodi invasivi. La terapia manuale ha un approccio olistico (globale) al corpo. Con essa cerchiamo di ripristinare gli equilibri naturali del corpo e quindi aiutare sé stesso a guarire. 

Il trattamento inizia sempre con un esame estremamente accurato con il quale cerchiamo di determinare la vera fonte dei problemi; questo primo passaggio è infatti cruciale per il successo finale. Dopo l'esame possiamo iniziare a eseguire la terapia, durante la quale vengono usate varie tecniche manuali, o molto spesso una combinazione di queste. 

Tutte le tecniche utilizzate si basano su prove scientifiche e hanno dei principi definiti in base ai quali agiscono. Con la terapia manuale possiamo trattare efficacemente una vasta gamma di problemi:

- lombalgia (acuta e cronica)

- cervicalgia (dolore acuto e cronico, lesioni oscillanti, artrosi delle vertebre cervicali, ernia cervicale, cervico-brachialgia, ecc.)

- alcuni mal di testa

- alcune vertigini

- disfunzione del sistema cranio-mandibolare

- dolore alle costole

- dolore alla spalla (patologie della cuffia dei rotatori, sindromi da compressione, instabilità, ecc.)

- dolore al gomito e al polso

dolore al ginocchio (artrosi, condropatia, ecc.)

- dolore all'anca

- lesioni sportive acute (distorsioni, colpi, distorsioni, strappi muscolari o tendinei, spasmi muscolari, ecc.)

- lesioni sportive croniche o sindromi da sovraccarico (tendinite del tendine d’Achille, fascite plantare, sindrome della banderella ileotibiale, sindrome patellofemorale, epicondilite mediale e laterale, dolore alla spalla, ecc.)

- cicatrici (vecchie e nuove)


Medicina ortopedica e terapia manuale - OMMT

La medicina ortopedica e terapia manuale - OMMT è un metodo sviluppato dal Dr. James Cyriax, con il quale determiniamo l'origine dei problemi attraverso un'accurata anamnesi e dei test ortopedici. In base alla diagnosi applichiamo una serie di tecniche manuali (mobilizzazione o manipolazione delle articolazioni, massaggi connettivali trasversi, ecc.) che agiscono sui tessuti molli al fine di ridurre rapidamente il dolore e aumentare la mobilità.

Manipolazione fasciale

Il sistema fasciale ha una grande influenza su tutti i processi fisiologici nel corpo, sia sul movimento che sulla funzione degli organi interni. Il corretto funzionamento del sistema fasciale è cruciale per il corpo. La manipolazione della fascia è un metodo sviluppato in Italia dai fratelli Stecco ed è praticato in tutto il mondo. Con la manipolazione della fascia in determinati punti, influiamo sul sistema fasciale e su tutti i problemi che derivano dalle sue disfunzioni. Prima dell'inizio del trattamento vengono eseguiti test funzionali e test manuali dei tessuti molli - mobilità della fascia, oltre a un'anamnesi precisa. Sulla base di questi dati decidiamo poi di lavorare su alcuni determinati punti. Dopo il trattamento sono molto importanti il riposo e l'idratazione, poiché questo tipo di terapia influisce su tutto il corpo.

Punti trigger miofasciali

I punti trigger miofasciali, descritti per la prima volta nel 1942 e nominati dal Dr. Travel, sono punti ipersensibili sul muscolo. Li percepiamo come dei punti rigidi e sensibili sul tessuto muscolare, che se premuti causano dolore locale o trasmesso (dolore percepito in un punto diverso dal punto di contatto). I punti trigger si formano per diversi motivi, come ad es. stress, sovraccarico o trauma e causano dolore, ridotto range di movimento, affaticamento, ecc. Con la terapia manuale è possibile rilasciare (disattivare) questi punti e il dolore può essere eliminato in pochissimo tempo, ripristinando così il buon funzionamento del sistema locomotore.


Trattamento cicatrici - metodo Scarwork

Tutte le ferite ai tessuti molli del nostro corpo, sia quelle derivanti da lesioni sia quelle derivanti da un'incisione chirurgica, guariscono attraverso il naturale processo di cicatrizzazione. Spesso le cicatrici causano molti cambiamenti nel funzionamento integrato del sistema fasciale nel corpo, perciò l'integrazione della cicatrice nel funzionamento del sistema fasciale è cruciale per il regolare funzionamento del corpo. Inoltre, le cicatrici hanno spesso una componente estetica ed emotiva che non è meno trascurabile del malfunzionamento del sistema locomotore. Troppo spesso l'importanza del trattamento delle cicatrici viene trascurata.

ScarWork è un concetto di trattamento della cicatrice inventato da Sharon Wheeler all'inizio di questo millennio. Il concetto è stato creato sulla base dell'integrazione strutturale della Dr. Ida Rolf, dove lavorando sui tessuti molli attorno alle cicatrici è emersa la sensibilità e l'abilità nel rilevare i cambiamenti nei tessuti. Il concetto ScarWork comprende più di venti tecniche manuali per il trattamento delle cicatrici, che si differenziano a seconda della forma delle cicatrici e dell'effetto desiderato sul tessuto circostante. Le cicatrici non sono formate da materiale in eccesso che deve essere rimosso, ma da tessuto connettivo altamente denso che deve essere allentato e integrato in una rete fasciale tridimensionale. L'obiettivo del trattamento ScarWork è quello di cambiare la qualità del tessuto connettivo attorno alla cicatrice attraverso tecniche manuali. Iniziamo con il trattamento degli strati superficiali, spostandoci gradualmente verso gli strati più profondi, compresi gli organi interessati. Con l’ausilio di varie tecniche tutti i dossi, i buchi, i rigonfiamenti, i nodi e le tensioni nel tessuto vengono levigati per diventare parte di una rete fasciale tridimensionale.

Il trattamento con le tecniche ScarWork è nella maggior parte dei casi molto piacevole e indolore per il paziente. Ogni cicatrice è diversa dall'altra, quindi il trattamento viene adattato di volta in volta.

Con il concetto ScarWork possono essere trattate con successo tutte le cicatrici di ogni età e origine. Prima del trattamento è molto importante l’anamnesi, poiché il meccanismo di formazione della cicatrice ci dice molto sulla condizione del tessuto intorno alla cicatrice e sui sintomi che essa può causare nel corpo in un secondo momento. Gli effetti della terapia sono immediati e duraturi. Oltre ai cambiamenti positivi sulla cicatrice stessa, si hanno benefici sulla sintomatologia collegata al malfunzionamento del sistema fasciale causata della cicatrice.

Lavorare sulle cicatrici secondo il concetto ScarWork richiede dal terapista una grande sensibilità nella percezione dei cambiamenti del tessuto fasciale e spiccate capacità empatiche, poiché le cicatrici sono spesso associate a traumi con una forte carica emotiva.

Il concetto ScarWork appartiene alle tecniche manuali dolci, ragione per cui il trattamento delle cicatrici secondo questo concetto è adatto a tutti i pazienti.


Coppettazione

La coppettazione è un metodo terapeutico che prevede l’applicazione delle coppette (in questo caso si tratta di coppette di plastica) in determinati punti del corpo. Sotto di esse viene creato un vuoto d’aria che esercita degli effetti positivi sui tessuti molli. La coppettazione è una metodica di trattamento alternativa e ha una tradizione lunga migliaia di anni, essendo stata usata in diverse culture antiche, specialmente in Oriente. Negli ultimi anni questo tipo di terapia è diventato molto popolare anche nella medicina occidentale, soprattutto nel mondo dello sport, dove ha catturato l’attenzione dei media (Giochi Olimpici di Rio).

La coppettazione nel mio studio viene utilizzata in determinati casi in aggiunta ad altre tecniche manuali, per aiutare a rilasciare i tessuti molli (muscoli, fascia, tessuto connettivo), per aiutare ad aumentare localmente la circolazione sanguigna, l'ossigenazione dei tessuti, il flusso linfatico e per facilitare la rimozione delle tossine dal corpo. La coppettazione può aiutare efficacemente il trattamento delle aderenze dei tessuti molli ("tessuto incollato") che si sviluppano dopo lesioni o interventi chirurgici e che influiscono negativamente sulla mobilità. Le coppette vengono posizionate su determinati punti del corpo e dentro di esse, con l’aiuto di un dispositivo speciale, viene creato un vuoto d’aria. Durante l’applicazione al paziente viene chiesto di eseguire un determinato movimento attivo o passivo. Il procedimento dura pochi minuti. L'unico effetto spiacevole di questo metodo terapeutico è la possibile comparsa di lividi cutanei sul punto di applicazione della coppetta, che però scompaiono entro una settimana.


Altre tecniche manuali

Per raggiungere i migliori risultati possibili, a seconda del caso, utilizzo tante altre tecniche manuali, tra le quali anche:

- allungamento

- trazione

- tecniche di pompage

- medical flossing

- trattamento della fascia con vari accessori in metallo e legno

- tecniche di energia muscolare

- massaggi terapeutici

- applicazione di taping kinesiologico